Waterloo

Parliamo di Storia militare del XIX secolo. Guerre napoleoniche e altri conflitti

Re: Waterloo

Messaggioda giuseppe bufardeci » 18/03/2012, 8:32

Ciao,
sono abbastanza d'accordo sull'ultima osservazione, che napoleone sarebbe stato sconfitto in una seguente occasione, i suoi nemici non interruppero nemmeno il congresso di Vienna e stavano mettendo su un altro esercito immenso. Questo l'imperatore lo sapeva benissimo, ma sperava vincendo a Waterloo: 1) di mettere gli alleati davanti alla prospettiva di una eventuale vittoria futura ad un prezzo così alto da prendere in considerazione un negoziato; 2) che nella coalizione dopo la sconfitta emergessero divisioni tali da indurne la fine; 3) ricompattare dietro di se la Francia che lo aveva riaccolto non tanto per un amore sviscerato quanto per la profonda delusione dei primi mesi di regno del Borbone e 4) se voleva rimanere imperatore non aveva altra scelta che combattere fino alla fine.
La battaglia fu in bilico fino all'ultimo nonostante Napoleone non fosse nella sua forma fisica (e mentale ) migliore, il tempo fu avverso solo a lui, con pioggia torrenziale la notte prima che gli impedì di cominciare la battaglia al mattino presto e soprattutto di manovrare l'artiglieria al meglio ed infine il comportamento del maresciallo Grouchy.
Egli vinse a Wavre i prussiani, che, però, furono sconfitti, ma non annientati. Inseguì i prussiani sbagliati allontanandosi da Waterloo, non accorgendosi che la vera armata prussiana era da un'altra parte. A sua parziale discolpa bisogna anche dire che gli ordini di Napoleone dicevano di dirigersi verso Wavre e lui ci si attenne alla lettera, quindi la responsabilità non fu, in effetti, tutta sua. Ma se dobbiamo, diciamo così, pesare le responsabilità, non c'è dubbio che la parte di Grouchy è maggiore. Probabilmente dove mancò fu nel non esercitare il privilegio del suo grado e cioè decidere, anche in contraddizione agli ordini ricevuti, in presenza di fatti nuovi di agire d'iniziativa, quale dirigersi, come incitato a fare dai suoi sottoposti, verso, appunto, il rombo del cannone, cioè verso la battaglia. In fin dei conti era un maresciallo di Francia non un semplice ufficiale.
Vorrei anche aggiungere, poichè si è sempre inclini a dimenticarlo, che l'esercito alleato era attestato molto bene, estremamente motivato e che si battè, praticamente in tutte le sue componenti, in maniera magnifica. Vorrei inoltre ricordare che si trattava di un'alleanza di diverse nazioni in cui gli inglese ne erano solo una parte, e se non sbaglio minoritaria. Lo sottolineo perchè anche in questo caso la tendenza è di attribuire la vittoria di Waterloo agli inglesi o la massimo ad attribuire la sconfitta a Napoleone e non la vittoria ai suoi avversari.
Mi fa piacere che qualcuno ricominci a scrivere sul forum, ti saluto,
giuseppe
Avatar utente
giuseppe bufardeci
Utente Attivo
Utente Attivo
 
Messaggi: 59
Iscritto il: 15/10/2011, 10:14

Re: Waterloo

Messaggioda magheggio » 31/05/2013, 12:27

Tutto giusto.
Vorrei aggiungere un discorso più ampio sullo stato dei francesi nel 1815.
Napoleone era già malato a causa dei quasi venti anni nei quali si era oltremodo strapazzato nelle sue campagne militari per cui non ha potuto dirigere la battaglia con il solito piglio.
La riserva umana di soldati per la Francia si esauriva sempre più... la grande armeè non era più nemmeno quella del 1805 per numero, addestramento ed esperienza; i veterani erano troppo pochi.
I generali che avevano aiutato Napoleone e che l'imperatore aveva nominato Marescialli di Francia ormai o erano morti o troppo vecchi o col morale a terra (basta pensare a quelli che erano stati sconfitti in Spagna più volte da Wellington): a Waterloo ce n'erano solo due Ney e Grouchy, entrambi inadeguati: Ney grande eroe se si trattava di comndare un battaglione, Grouchy grande comandante di cavalleria, secondo solo a Murat, ma entrambi non adatti a comandare un esercito.
magheggio
Utente
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 13/03/2012, 14:00

Re: Waterloo

Messaggioda karl02 » 05/08/2013, 17:45

sui marescialli presenti a waterloo.

Il capo di stato maggiore era SAULT e la guardia era comandata da MORTIER,anche se non presente perchè malato.
La domanda corretta sarebbe : Perchè solo quei due? Forse perchè l'imperatore "voleva "vincerla lui la campagna?
Cosa sarebbe successo con:
DAVOUT contro i prussiani,
SAULT contro gli anglo-belgi-olandesi,
SUCHET capo di stato maggiore?
Purtroppo non lo sapremo mai! Una cosa però e sicura la guerra non sarebbe finita a waterloo
Saluti
karl02
Iscritto
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 01/08/2013, 19:56
Località: verbania

Precedente

Torna a Guerre Napoleoniche e XIX secolo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron