Vichinghi

Parliamo di Storia militare dall'alto medioevo fino alla conquista delle civiltà precolombiane

Vichinghi

Messaggioda Asa-Thor » 16/11/2012, 10:43

Salve a tutti.
Mi servirebbe avere delle informazioni sull'estensione dei domini di Vichinghi e Normanni (sarebbero gradite soprattutto le indicazioni sulle date di conquista) tra il VII e l'XI secolo.
Grazie per la collaborazione.
Asa-Thor
Iscritto
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 16/11/2012, 10:31

Re: Vichinghi

Messaggioda Marco » 14/12/2012, 19:50

Questa mappa magari puo' esserti di aiuto.

La nuova ondata di invasioni in Europa
L'Amministratore Fondatore del Forum di Ars Bellica

Webmaster di
http://www.arsbellica.it
Avatar utente
Marco
Fondatore
Fondatore
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 15/10/2009, 18:10
Località: Roma

Re: Vichinghi

Messaggioda Dresda » 25/12/2012, 13:46

Ti riporto qui di seguito un testo preso da un libro:

"I normanni che si erano stanziati in Francia si mossero verso due paesi nei quali ottenero successi clamorosi e duraturi: l'Inghilterra e l'Italia meridionale. Nel 1066 il duca di Normandia Guglielmo il Conquistatore attraversò il canale della Manica a capo di un esercito e, dopo aver sconfitto gli anglosassoni nella battaglia di Hastings, si fece incoronare re d'Inghilterra.
Guglielmo confiscò agli anglosassoni le loro proprietà, incorporandole nel demanio regio o concedendole in feudo agli uomini del suo seguito. Tuttavia, i normanni evitarono che in Inghilterra si realizzassero quei processi degenerativi dei rapporti vassallatici che avevano caratterizzato il feudalesimo postcarolingio.
Inoltre, continuò a sussistere la divisione del regno in contee affidate all'amministrazione di uno sceriffo. Su tutto questo il controllo del re era ferreo e minuzioso: basti pensare che nel 1086 Guglielmo il Conquistatore ordinò una sorta di censimento di tutti i beni e le risorse del regno (raccolti nel "Domesday Book" - il primo catasto inglese).
Dopo la morte di Guglielmo (1087) sul trono d'Inghilterra salì dapprima il suo secondogenito e, dopo la morte di questi, il quarto figlio Enrico I (1100-1135).
A Enrico I successe Enrico II Plantageneto (1154-1189), figlio del conte Goffredo Plantageneto e di Matilde, figlia di Enrico I. Egli, sposando Eleonora, duchessa d'Aquitania, si ritrovò a capo di un esteso dominio che comprendeva, oltre al regno di Inghilterra, anche i ducati francesi di Normandia, Aquitania, Maine, Angiò e Turenna. Enrico si trovò dunque in una situazione particolare: infatti i ducati che possedeva sul continente gli erano stati concessi in feudo dai re di Francia.

I NORMANNI IN ITALIA

Nei primi decenni dell'XI secolo avventurieri normanni si spostarono in cerca di fortuna verso l'Italia meridionale. I normanni furono ingaggiati come mercenari presso i vari combattenti (arabi, bizantini, ecc...) e da questo contesto di estrema confusione e precarietà seppero trarre dei vantaggi (<< Tra i due litiganti il terzo gode >>).
I risultati più importanti e duraturi li conseguirono i membri della famiglia degli Altavilla, che con Guglielmo detto "Braccio di Ferro", ottennero la contea di Melfi (1043). In seguito, un altro esponente degli Altavilla, Roberto il Guiscardo, avviò una politica di espansione verso nord che portò i normanni a scontrarsi con lo stato della Chiesa: Roberto era sceso in Italia meridionale come mercenario, ma in breve tempo si impadronì del territorio di Salerno, entrando in conflitto con il pontefice. Nel 1053 i normanni affrontarono e sconfissero le truppe pontificie a Civitate riuscendo a fare prigioniero lo stesso papa Leone IX, che era sceso in Puglia alla testa di un esercito, per impedire che i normanni conquistassero i territori della Chiesa nel Sud Italia.
Nell'anno successivo, il 1054, tra la Chiesa di Roma e quella di Bisanzio per questioni dogmatiche e liturgiche venne ufficializzato lo scisma. Di conseguenza cessò ogni collaborazione tra il papato e le forze bizantine nell'Italia meridionale e si crearono le condizioni per un'ulteriore espansione del dominio normanno. I capi normanni compresero bene quali vantaggi sarebbero derivati dal porre il loro potente esercito a fianco della Chiesa, la quale godeva sì di un prestigio spirituale immenso, ma non possedeva un apparato militare adeguato.
Nel 1059 i normanni stipularono con il nuovo papa Niccolò II l'accordo di Melfi, con il quale si riconoscevano vassalli del papa per i domini dell'Italia meridionale: il Guiscardo prometteva di proteggere il papato e di versare ad esso un tributo annuo. In cambio il pontefice riconosceva le conquiste normanne, nominava Roberto il Guiscardo duca di Puglia e di Calabria e gli concedeva il titolo di futuro duca di Sicilia. Era una vera e propria investitura, con la quale la Chiesa affidava ai normanni i più ampi poteri sui territori dell'Italia meridionale.
In quel periodo la Sicilia era ancora in mano agli arabi: l'investitura di Roberto il Guiscardo da parte di Niccolò II fu un modo per indirizzare i normanni verso sud, ossia verso i territori bizantini, e di fatto affidava agli Altavilla il compito di liberare la Sicilia dagli arabi.
Negli anni seguenti Roberto il Guiscardo proseguiva la conquista dell'Italia meridionale togliendo ai bizantini gli ultimi territori che ancora avevano in Italia (1071) e gli arabi la Sicilia: l'isola venne conquistata in più fasi e fondamentali furono le prese di Messina (1071) e di Palermo (1072). Le cronache raccontano di un lungo assedio di Palermo, espugnata dal Guiscardo e da suo fratello Ruggero. Proprio quest'ultimo portò a compimento la conquista della Sicilia nel 1091 con la presa di Noto. Alcuni decenni dopo, i possedimenti normanni in Italia venivano unificati ed estesi da Ruggero II il quale si trovò a capo di un nuovo e potente stato che avrebbe condizionato la storia dei secoli successivi."

Ciao
Alea iacta est
Avatar utente
Dresda
Utente Attivo
Utente Attivo
 
Messaggi: 51
Iscritto il: 09/07/2011, 20:37
Località: Foggia

Re: Vichinghi

Messaggioda Arminius » 22/01/2013, 10:55

Perfetto grazie a tutti! Ps ho cambiato username. Grazie ancora
Arminius
Iscritto
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 19/11/2012, 10:19

Re: Vichinghi

Messaggioda Arminius » 23/01/2013, 8:49

Avete anche notizie sulla Rus di Kiew e sui Varenghi/Variaghi, sulle armi e sull' organizzazione di questi mercenari? Su wikipedia non dice molto piú di quello che so giá... Ancora grazie in anticipo! Andrea
Arminius
Iscritto
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 19/11/2012, 10:19

Re: Vichinghi

Messaggioda Arminius » 23/01/2013, 8:51

E altre notizie in merito sui miei libri non ne trovo... Come se non fossero mai esistiti :)
Arminius
Iscritto
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 19/11/2012, 10:19


Torna a Medioevo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron