Gioco guerresco

Parliamo di Storia militare dall'alto medioevo fino alla conquista delle civiltà precolombiane

Gioco guerresco

Messaggioda Waraxe » 05/04/2014, 8:09

Ciao a tutti! vi propongo questa specie di gioco a cui spero partecipiate in maniera entusiastica. Da grande appassionato di storia militare medioevale fin da bambino ho sempre volato con la fantasia sui campi di battaglia di tutto il mondo a partire da quelli europei a finire con quelli orientali. Ora ,da adulto, mi piace perdermi ancora in queste speculazioni e voglio coinvolgervi con questo quesito. Ipotizzando di essere un rampollo di una famiglia nobile europea del periodo che va dal tardo XIII secolo alla seconda metà del XIV secolo (per capirci quell'intervallo di tempo che vide eventi come la guerra dei cent'anni) in cui si è nel pieno dello sviluppo bellico medioevale ,ma non si è ancora arrivati ai capolavori delle armature gotiche del XV secolo, quale sarebbe stato l'equipaggiamento da voi prescelto per la guerra? Ovviamente i più puntigliosi mi accuseranno di una generalizzazione perché è noto quanto influisca il valore del soldato o la qualità di un arma ma ,eliminando queste variabili, che cosa avreste scelto per andare in battaglia?A quale reparto avreste voluto appartenere? perché avreste preferito ad esempio una spada ad una mazza oppure un armatura in cuoio a una a piastre? per rendere tutto più chiaro inizierò io:

Unità di appartenenza:Fanteria

Arma scelta= Martello d'arme a una mano con rostro o stella del mattino. Sceglierei queste due armi perché ,le versioni adattate alla fanteria, sono relativamente leggere ma conservano un buon potenziale contusivo e ,essendo dotate di rostri o punte, possono causare anche ferite da punta se pur minori (un rostro di un martello d'arme sul cranio o in punti vitali non doveva essere una bella esperienza!). Altra ragione è che essendo entrambe ad una mano consentono l'uso dello scudo.
Spada o ascia ad una mano= Non preferirei la prima perché le armature di quel periodo erano già sufficientemente spesse per deviare facilmente un colpo di punta o di taglio ma questa difesa non è possibile con un arma da botta! una frattura o una forte contusione non sono evitabili. Per l'ascia i problemi sono simili ma ,generalmente, avendo lame più spesse e larghe tranciavano meglio un arto scoperto quindi tra le due meglio quest'ultima.
Arma inastata qualsiasi= perché necessitano un uso di entrambe le mani per essere usate efficacemente e perché una volta che l'avversario ha superato la punta e arriva nella zona dell'asta è difficile potersi difendere.
Arco o balestra= Non credo che l'arco come arma dia sufficiente protezione...un arciere solitario e a media distanza è facile preda del fante di turno.
Arma a due mani qualsiasi= Non utilizzerei né asce,né martelli,né spade a due mani le ritengo troppo lente come armi e impediscono l'uso dello scudo.
Scudo= Assolutamente si. In quel periodo stavano già sviluppandosi vari tipi di rinforzi quindi oltre al grezzo legno spesso gli scudi erano rinforzati da fasce in acciaio e potevano essere la differenza tra vita e morte. Gli arcieri inglesi con arco lungo a meno di 100 metri bucavano piastre metalliche di 2 o 3 dita! almeno con uno scudo avrei avuto chance di sopravvivere. In particolare forse avrei optato per uno scudo a goccia che da una buona copertura dalla vita in su ( le altre tipologie come "a torre" o "brocchieri" sono o troppo piccoli o troppo pesanti)

Armatura=
protezione toracica=Avrei optato per un armatura completa quindi farsetto imbottito (a mezza gamba non intero),poi cotta di maglia(anche questo a mezza gamba non intera) e infine panziera. (do per scontata la presenza degli altri singoli pezzi avendo detto che l'armatura superiormente è completa)
protezione craniale=Completa quindi cervelliera,camaglio e elmo con visiera apribile per la respirazione.
protezione inferiore= Ho scelto corpetto e cotta di maglia corti immaginando che questi arrivino poco sopra il ginocchio e che quindi coprano la coscia ma lascino libere le gambe così da mantenere una discreta mobilità. Per un ulteriore protezione utilizzerei degli schinieri e stivali chiodati.

spero di essere stato chiaro N.B se ho commesso errori correggetemi pure.

Ich dien
Waraxe
Neo Iscritto
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 03/04/2014, 18:00

Torna a Medioevo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite